di Beppe Fenoglio
Illustrato da Simone Rotella
Ascolta
Alba, novembre 1944
Aspetta!! Ma perché hai deviato?
Avanti Ivan, devo andare lassu'.. mi bastano cinque minuti
Milton riconobbe subito la collina, il cancello appena accostato, i quattro ciliegi.. ebbe un tuffo al cuore..
La villa dove lui, Fulvia e Giorgio, avevano passato l’estate precedente sembrava completamente abbandonata..
Poco dopo apparve alle sue spalle la custode della villa, un’anziana signora che Si ricordava bene di lui. Lo fece entrare in casa ed i ricordi gli tornarono alla mente, come una foschia che lentamente si dirada tra le colline..
Fulvia..
Era arrivata da Torino, sfollata durante i bombardamenti e fu Giorgio, il miglior amico di Milton, a presentargliela. Se ne innamoro’ subito.
“Ci scrivemmo lettere per mesi, poi mi unii alle brigate partigiane per combattere gli “scarafaggi” e di fulvia non seppi piu’ nulla..”
“Somewhere over the rainbow way up high, There's a land that I heard of once in a lullaby..”
La governante gli racconto’ che giorgio, prima di unirsi alle milizie, continuo’ a frequentare Fulvia incontrandola spesso la sera..
Milton doveva sapere..
Arrivato pero’ all’avamposto in cui si trovava la brigata, scopri’ che giorgio era stato portato via dalle camicie nere
“Somewhere over the rainbow skies are blue and the dreams that you dare to dream really do come true.”
“Someday I'll wish upon a star, And wake up where the clouds are far, Behind me, Where troubles melt like lemon drops, away above the chimney tops, That's where you'll find me..”
Non gli fu difficile scovarlo. Stava uscendo dalla casa della sua amante.
All’improvviso il sergente tento’ la fuga e milton fu‘ costretto a sparargli.
Milton fu preso dallo sconforto perche’ doveva sapere la verita’ su fulvia e Giorgio.
Decise allora di tornare alla villa per parlare con la custode, la sua unica speranza
Una volta varcato il cancello della casa, una raffica di mitragliatrice lo insegui’. Le camicie nere si erano appostate per vendicare il loro sergente
Correva, con gli occhi sgranati, vedendo pochissimo della terra e nulla del cielo. Era perfettamente conscio della solitudine, del silenzio, della pace, ma ancora correva. facilmente. irresistibilmente.
Poi gli si paro’ davanti un bosco e Milton vi punto‘ dritto. Come entro’ sotto gli alberi, questi parvero serrare e far muro e a un metro da quel muro crollo’
“Somewhere over the rainbow bluebirds fly, Birds fly over the rainbow. Why then, oh, why can't I ?”
“If happy little bluebirds fly Beyond the rainbow. Why, oh, why can't I ?”