L’incubo degli autobus a Roma

di Floriana Bulfon

Ritardi, guasti, corse saltate, poca manutenzione, poca pulizia. Incendi. Quasi 60 nell'ultimo anno e mezzo. È la lista dei problemi di Atac, l'azienda dei trasporti romana, che ogni giorno fa viaggiare sulle strade della capitale solo il 63% dei bus che ha a disposizione. Un'inchiesta di quattro settimane mette in luce alcune delle cause di questi disagi. A partire da una domanda: perché i bus di Roma prendono fuoco?

Approfondisci su:

Un mese nel caos Atac

Nel deposito di Grottarossa, uno dei più grandi alla periferia di Roma, ci sono decine di autobus parcheggiati che non saranno più messi in circolazione. Sembra di essere in uno sfasciacarrozze: dai mezzi sono stati sottratti pezzi di ricambio riutilizzabili per rattoppare altri bus. E così le macchine che circolano ricordano Frankenstein, mostri composti da parti di diversi cadaveri, di cui è impossibile censire le condizioni reali o prevedere quando vadano cambiati.

La mappa e i dati:
Atac ai raggi X

La carta di identità degli autobus incendiati a Roma non riporta sempre la stessa data di nascita: prendono fuoco i mezzi più vecchi (tra i 12 e i 17 anni) ma anche quelli con appena tre anni di età. La mappa dei bus in fiamme racconta tre anni di incendi con le indicazioni su linea, luogo e anzianità dei mezzi.

L'età dei bus
L’età media dei mezzi di superficie è in costante aumento. Negli ultimi 13 anni è passata da 6,4 anni del 2006 a 12,8

La maggior parte dei mezzi incendiati viene distrutta dalle fiamme, una minima parte riporta solo dei danni. E i mezzi guasti si aggiungono a quelli che non possono più circolare per le strade di Roma.

I danni
Sono 58 gli autobus Atac e RomaTPL che hanno preso fuoco dal 2016 al 2018 23 negli ultimi 7 mesi

Dall’analisi dei dati relativi ai bus incendiati negli ultimi tre anni è possibile anche risalire il marchio dei mezzi. Consultando ingegneri, tecnici e le aziende che costruiscono i bus è stato possibile verificare che una delle prime cause di incendio è la sporcizia e quindi la mancata pulizia.

I marchi
Gli autobus che hanno preso fuoco dal 2016 ad oggi e le case produttrici

Grazie ai dati raccolti da @MercurioPsi, @TPLRoma e @Franz6081 abbiamo costruito una mappa dei bus che hanno preso fuoco dal 2016 ai primi 7 mesi del 2018. Ogni pallino corrisponde a un mezzo incendiato. I colori indicano l’età dell’autobus. Cliccando su ogni pallino è possibile vedere le informazioni sulla linea, sul luogo dell’incendio e il dettaglio sull’anzianità. Per alcuni mezzi coinvolti questa raccolta dati non coincide con quella di Atac: secondo l'azienda dei trasporti si tratterebbe di guasti e non di incendi.

La potenziale clientela dei mezzi Atac è composta da residenti, turisti e lavoratori pendolari. Si arriva a circa quattro milioni e mezzo di persone. Non prendono ovviamente tutti il bus ogni giorno. La certezza è che i mezzi disponibili sono poco meno di duemila, ma quelli effettivamente utilizzabili sono ancora meno.

Il tasso di disponibilità degli autobus
Gli autobus effettivamente in circolazione sono passati dall’83% del totale del 2010 al 63% del 2017

Giorno-notte:
24 ore di disagi

Ogni giorno quattro milioni e mezzo di potenziali passeggeri, tra residenti, turisti e pendolari, si imbattono nei disagi dei trasporti pubblici romani. Le buche rendono il percorso fin troppo movimentato, si aggiungono vibrazioni e rumori. I guasti allungano le attese alle fermate e quando finalmente un mezzo disponibile arriva le persone si schiacciano per riuscire ad arrivare a destinazione.

La ricostruzione
in 3D

Le sollecitazioni a cui sono sottoposti gli autobus a causa delle strade dissestate sono tra le cause - insieme alla sporcizia che si accumula nel vano motore - degli incendi dei mezzi. Con questo modellino 3d è possibile verificare quali sono le componenti coinvolte negli incendi. Potete muoverlo con il mouse o tenendo premuto lo schermo con il dito sui vostri smartphone.

Seleziona le voci per leggere i dettagli

1LA SCOCCA

La scocca, insieme ai cavi sul tetto, è uno dei punti che riceve maggiori sollecitazioni per il dissesto stradale

2I CAVI

Lungo tutto il tetto dei bus sono presenti i cavi elettrici e i condotti dell’aria condizionata

3IL MOTORE

Il motore è posizionato tra il lunotto posteriore e la targa. A ridosso del vetro sono presenti delle "conchette": è all'interno di esse che si deposita lo sporco e l'olio esausto che prende fuoco