Il cammino delle terre mutate: un viaggio nel centro Italia per conoscere i luoghi colpiti dal terremoto

di Francesco Collina

Da Fabriano all’Aquila per visitare, camminando, i luoghi colpiti dallo sciame sismico del terremoto in Centro Italia. Un viaggio, gambe in spalla, per conoscere, a ritmi rallentati, le persone, le storie e le realtà delle persone che vivono nei paesi colpiti dal sisma degli scorsi anni. Enrico Sgarella, presidente della Aps Movimento Tellurico che con Ape (associazione proletari escursionisti) e con il patrocinio di federtrek ha organizzato il Cammino, spiega così l’importanza del turismo sostenibile, a piedi, nei luoghi del terremoto e non solo: “L’uomo cammina, è nella sua natura, l’uomo cammina ed emigra, è partito dal Corno d’Africa per popolare tutte le zone dell’Asia e arrivare fino alla Terra del Fuoco. Oggi - continua - siamo nella cosiddetta civiltà dell’automobile, ma bisogna recuperare il nostro rapporto più stretto con la natura”. Così, a passo lento, respirando e ascoltando i racconti delle persone e delle attività economiche incontrate lungo il tragitto, i camminatori provenienti da tutta Italia riscoprono, grazie a un ritmo più lento e naturale, regioni e realtà dimenticate dal turismo di massa mordi e fuggi. Passo dopo passo, dalle Marche, passando per il Lazio e l’Abruzzo, l’Italia meno conosciuta e più nascosta si fa conoscere di nuovo, lasciandosi scoprire nelle sue bellezze e realtà più nascosta ma non per questo meno emozionanti da scoprire, specie se a piedi. “Il cammino contribuisce a collegare zone fortunate di questo paese a zone che lo sono meno, per rilanciare la politica dal basso e ridare fiducia al cittadino - racconta Antonio, uno dei camminatori - è un contributo minimo a quelle popolazioni che cercano ancora un appiglio per ritrovare senso alla loro vita e dare uno scopo alla loro vita”. Così, fra cammini immersi nella natura, e vedute di montagna da cartolina, il turismo sostenibile dimostra le sue potenzialità di crescita economica per tutta l’Italia appenninica.

Navigando il video interattivo è possibile conoscere le storie delle attività economiche che resistono nel territorio, i racconti dei camminatori e le ragioni del turismo lento e sostenibile visto come chiave di volta per la rinascita economica delle regioni centrali italiane.

A cura di Visual Lab