Il Frecciarossa 9595 Milano-Salerno deraglia alle 5.35 del 6 febbraio 2020. È partito alle 5.10, a bordo ci sono 28 passeggeri e 5 dipendenti Trenitalia. Quando esce dai binari sta viaggiando alla massima velocità: 280 km/h

L'incidente avviene nel comune di Ospedaletto Lodigiano (provincia di Lodi, Lombardia), nei pressi del casello A1, in zona cascina Griona. Le immagini esclusive di Repubblica sul luogo del disastro

Sulla linea sono in corso lavori di manutenzione: tra la sera e la notte precedente al deragliamento era stato sostituito un deviatoio di uno scambio

La motrice si stacca dal resto del treno proprio in corrispondenza di uno scambio elettronico. Urta un carrello merci sui binari, percorre oltre 300 metri fuori dalle rotaie e si schianta su un casotto delle ferrovie

Il resto del convoglio prosegue sui binari fino a quando la carrozza di testa si ribalta: sono passati circa 20 secondi dal momento in cui si è staccata la motrice. Le altre carrozze rimangono intatte

Nello schianto della motrice muoiono i due macchinisti: Giuseppe Cicciù, 51 anni, di Reggio Calabria (nella foto a sinistra), e Mario Dicuonzo, 59, originario di Capua (Caserta)

Trentuno persone rimangono ferite. Il più grave è un addetto alle pulizie di Trenitalia che si rompe il femore

La zona viene isolata per agevolare i soccorsi: arrivano centinaia di uomini tra polizia, carabinieri e vigili del fuoco, 2 elicotteri da Brescia e Como e le prime 12 ambulanze. La linea ad alta velocità Milano-Bologna viene sospesa e tutti i convogli vengono deviati sulla linea Milano-Piacenza. L’intera area è sotto sequestro: la procura di Lodi ha aperto un’indagine per “disastro ferroviario”

Tra i primi ad arrivare sul luogo dell’incidente c’è il prefetto di Lodi Marcello Cardona, che dice: “Poteva essere una carneficina”

"Credevo di essere morto. Il treno andava velocissimo. All'improvviso ho sentito una botta violenta. Un boato fortissimo". Un giovane di 21 anni ricoverato al pronto soccorso dell'ospedale di Piacenza

"È saltata la luce e abbiamo intuito che c'era un'emergenza. La carrozza ha iniziato a ondeggiare. Sarà durato un minuto, non so. Un passeggero ha sbattuto la testa contro il finestrino quando la carrozza si è piegata. L'addetto alla ristorazione, un ragazzo, che al momento dell'incidente stava distribuendo il caffè ai passeggeri era una maschera di sangue" Un passeggero di nazionalità indiana, dimesso dall'ospedale di Castel San Giovanni (Piacenza) con medicazioni per ferite di lieve entità

Alex Nuvoli, 28 anni, visitato e dimesso dal pronto soccorso di Vizzolo Predabissi, nel Milanese

Il procuratore di Lodi, Domenico Chiaro, illustra i primi risultati emersi dalle indagini: "Stiamo verificando l'ipotesi dell'errore umano"